Condividi

Palermo 1-2-3 ottobre 2010...i giovani e le famiglie incontrano il Papa

Scritto da Pastorale Giovanile il 06/10/2010 in Eventi Regionali e Nazionali

I tre giorni trascorsi a Palermo sono stati, per i giovani e le famiglie partiti dalla nostra diocesi, un'esperienza unica e ricchissima. Preziose sono  state la vicinanza e le attenzioni del nostro Vescovo Paolo.

Il convegno ( sul tema “Lo sguardo del coraggio per una educazione alla speranza”) ed in particolare i laboratori (su cinque grandi temi: giustizia e legalità, lavoro, ambiente, scuola ed università, cittadinanza attiva), sono stati occasione di riflessione, incontro e conoscenza con famiglie e giovani di tutte le diocesi. Interessanti sono state le relazioni del prof. Gregorio Vivaldelli, già apprezzato nel passato in alcuni appuntamenti del nostro Ufficio, della prof.ssa Gensabella e del prof. Lavanco, che forse ha lasciato in tutti il ricordo più incisivo per la sua competenza e capacità comunicativa. Filo conduttore e messaggio forte dell'incontro è stato l'invito al coraggio, a non esitare, non rinunciare, ma essere testimoni e costruttori di fede, nelle famiglie e tra i giovani, per educare alla speranza.  Invito che poi è risuonato, incisivo e coinvolgente, nell'omelia e nel discorso in piazza Politeama pronunciati dal Santo Padre.

Interessanti e ricchissime di spunti di riflessioni le "Fontane di luce" sparse per tutta la città di Palermo, con le catechesi dei vescovi siciliani e le testimonianze di giovani e famiglie della nostra terra.

La giornata della domenica si è vissuta con entusiasmo ed emozione, non solo durante la celebrazione della s.Messa da parte del Papa, in una splendida giornata di sole e con lo sfondo azzurro del mare, nell'ascolto della sua omelia, ma anche durante l'incontro del Papa, nel pomeriggio a piazza Politeama,  con i giovani e  le famiglie, in una atmosfera di festa; incontro, che, come affermato dal Papa stesso, è stato il momento centrale nella sua visita, con le sue parole di incoraggiamento e di speranza.