Condividi

"Bianca come il latte, rossa come il sangue" - Teatro Naselli (Comiso), lunedì 12 gennaio 2015 ore 19.30

Scritto da Ufficio Cultura il 02/01/2015 in Cinema

Riprende con il film “BIANCA COME IL LATTE, ROSSA COME IL SANGUE” lunedì 12 GENNAIO ore 19.30 presso il Teatro Naselli di Comiso la rassegna di cineforum d’autore “ORIZZONTI DI SPERANZA” organizzata dall’Ufficio per la cultura della Diocesi di Ragusa, in collaborazione con l’Ufficio di pastorale familiare e l’Ufficio di pastorale giovanile.

Dopo aver trattato il tema della speranza a partire dall’esperienza teatrale vissuta dai carcerati di Rebibbia, brillantemente documentata dai fratelli Taviani nella pellicola “Cesare deve morire”, e attraverso la testimonianza diretta di coloro che hanno vissuto una simile esperienza presso l’area circondariale di Ragusa, si passa adesso alla declinazione dello stesso tema nel mondo giovanile, ed in quello adolescenziale in particolare.

L’obiettivo, attraverso l’introduzione alla visione, la proiezione e il successivo dibattito a più voci, è quello di rilevare dei motivi di speranza presenti nel cuore dei giovani e le difficoltà che oggi si incontrano a portarli ad adeguata espressione. Si dice che i giovani non siano più capaci di sognare e di fare scelte importanti per la vita: ma è davvero così?

Alessandro d’Avenia, autore dell’omonimo romanzo da cui è tratto il film in oggetto, nonché della stessa sceneggiatura, non sembra essere d’accordo. Il film racconta in prima persona la storia di Leo, adolescente irrequieto e vulnerabile, che stenta negli studi, mentre trascorre le sue giornate tra amici, calcetto e musica. Il tempo a scuola non passa mai e gli insegnanti sono visti come "una specie protetta che speri si estingua definitivamente". Per lui la vita può avere solo due colori, il bianco e il rosso: il bianco del nulla e il rosso dell’amore. Rosso è anche il colore dei capelli di Beatrice, la ragazza di cui è innamorato e verso la quale non trova il coraggio di manifestarsi. Quando finalmente riesce a parlare con lei, scopre che sta vivendo un grande dolore. E per questo Leo si troverà a crescere e fare delle scelte, appoggiato inaspettatamente da persone sulle quali non avrebbe mai sperato...

Un ritratto fedele ed originale della forza creativa insita negli adolescenti e della loro capacità di sperare e ambire a traguardi alti. Una provocazione a quanto adulti, educatori, amici sappiano farsi attenti e autorevoli accompagnatori nei confronti di tali aneliti di costruttiva speranza. Un monito, per dirla con Giovanni XXIII, a ricordarci che “la vita è la realizzazione del sogno della giovinezza”…

Interverranno:

-          Rappresentanti del mondo della scuola e della realtà ecclesiale

-          “Giovani Volontari” di Comiso (associazione Calicantus)

-          Anna Maria Calzolaro e Agata Pinkosz (missionarie dell’Immacolata di p. Kolbe)

Il tema verrà ulteriormente approfondito in occasione della successiva proiezione “La mafia uccide solo d’estate”, lunedì 19 gennaio presso la stessa sede.

In allegato il depliant con il programma completo del percorso.

L’ingresso è libero e aperto a tutti.

 

LA RASSEGNA “ORIZZONTI DI SPERANZA”

La nuova rassegna vuole essere un percorso tra spiritualità e cultura in sei tappe, con l’obiettivo di stimolare la riflessione sui vari volti della speranza, suscitare confronti e creare occasioni di condivisione, individuando possibili percorsi di vita.

La novità che caratterizza il palinsesto cinematografico 2014-15 è data dalla partecipazione di testimoni significativi, che racconteranno la loro esperienza sui temi affrontati. Si passerà, dunque, dallo schermo alla vita e, attraverso la condivisione, ad un orizzonte di progettualità che ci si augura gravido di speranza…!

Un elemento degno di rilievo sta nell’aggancio con i temi trattati dalla Cattedra di “Dialogo tra le culture” nel corso “L’ARTE DI EDUCARE ED EDUCARE CON L’ARTE” (www.dialogotraculture.it), di cui il cineforum costituirebbe un’ideale piattaforma culturale di approfondimento e confronto.

L’iniziativa costituisce altresì un momento importante in cui giovani, famiglie, religiosi, insegnanti, artisti, operatori del terziario, etc. possono ritrovarsi per riflettere insieme su temi di scottante attualità e di vitale importanza.

 

L’equipe organizzativa

"Bianca come il latte, rossa come il sangue" - Teatro Naselli (Comiso), lunedì 12 gennaio 2015 ore 19.30

Eventi