Condividi

La preghiera dei salmi nella tradizione ebraica

Scritto da Ufficio Cultura il 16/01/2015 in Iniziative varie

Chiesa di S. Biagio (Comiso), venerdì 23 e sabato 24 gennaio 2015, ore 19.00

La prof.ssa Elena Lea Bartolini, nota teologa ebrea e docente presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale (ISSR-MI) e l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, terrà due momenti di riflessione su “La preghiera dei salmi nella tradizione ebraica”, riflessione che sarà seguita da quella di p. Biagio Aprile, patrologo presso la Pontificia Facoltà Teologica “S. Bonaventura” (Roma), sul tema “Il volto di Cristo nella preghiera dei Salmi”.

Lo stimolante confronto cade a chiusura della settimana di preghiera per l’unità dei cristiani (giorno della conversione di S. Paolo) e vuole essere una preziosa occasione di dialogo tra cristianesimo ed ebraismo a partire dal nucleo centrale della vita spirituale costituita dalla preghiera dei salmi.

In allegato la locandina.

  

Sintesi dell’intervento della prof.ssa Bartolini

Tutta la tradizione liturgica ebraica si radica nella Scrittura e si esprime attraverso il dinamismo della benedizione: Dio si manifesta nella storia e l’uomo risponde a tale azione benedicendo. Per questo l’ebraismo conosce benedizioni per ogni occasione, sia gioiosa che dolorosa, in quanto ritiene di dover accettare dalle mani di Dio sia il bene che il male così come ha fatto Giobbe.

Una testimonianza particolarmente significativa di come il credente si relaziona al suo Creatore è costituita dal Libro biblico dei Salmi, dove l’orante esprime il proprio vissuto – talvolta manifestando gioia ed entusiasmo e talvolta gridando il suo dolore e la sua angoscia – certo comunque che la vicinanza del Signore non verrà mai meno, nemmeno nel momento della sventura. Per questo, accanto ai Salmi di lode che celebrano i momenti felici della vita, troviamo anche quelli che chiedono a Dio ragione della sofferenza arrivando anche all’imprecazione. Ma, come insegna la tradizione rabbinica, se il presupposto è la fede nell’Unico Dio capace di salvare, anche l’imprecazione può trasformarsi in benedizione e diventare preghiera.

 

La prof.ssa Bartolini sarà inoltre impegnata nei seguenti incontri:

 

Sabato 24 gennaio, ore 9.00-13.00

Liceo linguistico, scienze umane, etc. – Vittoria

La formazione del pregiudizio e la libertà di coscienza

Incontro con gli studenti (giornata della memoria)

 

Domenica 25 gennaio, ore 20.00

Villa Orchidea – Comiso

I luoghi della Terra Santa, tra simbolismo e conflitto

Incontro con l’Associazione Calicantus [SU INVITO]

 

Lunedì 26 gennaio, ore 9.00-13.00

Liceo linguistico, scienze umane, etc. – Vittoria

Liceo classico e scientifico – Vittoria

La formazione del pregiudizio e la libertà di coscienza

Incontro con gli studenti (giornata della memoria)

 

Martedì 27 gennaio, ore 9.00-13.00

Liceo Carducci – Comiso

La formazione del pregiudizio e la libertà di coscienza

Incontro con gli studenti (giornata della memoria)

 

L’equipe organizzativa