Condividi

Al via il servizio civile

Scritto da il 05/10/2015

Passione, coraggio, entusiasmo sono le parole d'ordine per questi ragazzi coinvolti nei percorsi di servizio civile promossi dalla Fondazione San Giovanni Battista. Quaranta giovani selezionati per tre differenti progetti. “Marhaban” è il nome del progetto che vedrà parte dei volontari impegnati in azioni di supporto ad alcuni Centri di accoglienza ai migranti. “Passo passo”, invece, punta a fornire servizi di sostegno, animazione e doposcuola in alcune parrocchie della Diocesi. “Tra culto e cultura”, infine, mira a rafforzare i servizi diocesani in tema di comunicazione e valorizzazione dei beni culturali.
Il vescovo di Ragusa, monsignor Paolo Urso, ha salutato stamane l'avvio dei progetti.
“”Sono felice per questo avvio – afferma – perché sono certo che questi giovani siano motivati e con un ricchezza interiore da trasfondere in tutte le persone con cui entreranno in contatto. Invito tutti ad operare sempre con passione. Nel lavoro con i bambini mi auguro possiate essere utili nel seminare e custodire valori necessari per la vita. A quanti opereranno con i migranti chiedo di essere attenti e aiutarci nel migliorare i nostri servizi. Per chi sarà impegnati in ambito culturale, infine, l'augurio è che possiate essere una spina nel fianco di chi deve sviluppare progetti utili a migliorare ancora questo territorio”.
“Siamo lieti di avviare questi percorsi di servizio civile – aggiunge Tonino Solarino, presidente della Fondazione San Giovanni Battista – e con rammarico guardiamo ai tantissimi giovani che non abbiamo potuto accogliere. Mi auguro che per i nuovi volontari ci sia modo di vivere un'esperienza ricca di senso e dove vi sia la possibilità di dare e ricevere”.